smtc Scuola di Management del Turismo e della Cultura


Il piacere della conoscenza.

…il viaggio come ricerca di verità.
...Voglio avvicinarmi alla realtà incontrata. Vederla, conoscerla, capirla. Si tratta di un’occupazione che esige concentrazione e, al tempo stesso, continua apertura per poter assorbire, vivere, ricordare la maggior quantità di cose possibile…

Ryszard Kapuscinski (Lapidarium)

Come affrontare le domande poste dai nuovi mercati?
Come sostenere lo sviluppo di idee innovative?
Come organizzarsi per comunicare con efficacia la proposta del territorio?
Come utilizzare al meglio le potenzialità dei nuovi strumenti web?
Come pensare a un turismo che sa valorizzare le filiere in cui si esprime la creatività?
Come misurare i risultati e le ricadute del turismo e indirizzarne le scelte future?


Obiettivi e Destinatari

Linee di intervento

Metodo formativo

Partnerhsip
 

È da circa 50 anni che il turismo è un’attività in costante espansione a livello globale, diventando in molte aree un fenomeno economico rilevante. Nell'attraversare luoghi lontani e diversi dai nostri, abbiamo imparato ad esprimerci in altre lingue, a stupirci di fronte alle nostre reazioni e a quelle dell’altro, ad assistere a riti sconosciuti, a ballare ritmi esotici, ad ascoltare preghiere rivolte a divinità dai nomi impronunciabili, ad assaggiare cibi che mai ci saremmo immaginati, ad arrampicare, a lasciarci andare in parapendio sopra il vuoto, a nuotare in mezzo alla natura. A concederci il lusso di un tempo e di uno spazio da vivere per noi stessi. 

Da poco tempo abbiamo imparato a fare i “turisti”, ma già ci sembra sia un’esperienza irrinunciabile, che caratterizza profondamente il nostro modo di essere e contribuisce a disegnare la nostra identità soggettiva. Oggi è il turismo stesso in cerca di una propria fisionomia: dopo aver colonizzato il mondo con le formule dei “villaggi all inclusive”, oggi dialoga con i territori per dare nuovo senso alle esperienze di viaggio dell’ospite, coinvolgendo le comunità di residenti e mettendo al centro la qualità della vita e le scelte dei suoi abitanti.

Se da un lato è fondamentale capire e accogliere i bisogni profondi della domanda turistica, dall’altro è sempre più rilevante costruire alleanze tra le comunità locali e coloro che abitano un territorio anche per pochi giorni. La montagna che non parla, ma insegna molte cose, ha forgiato una cultura che consente di offrire esperienze in cui l’ospite può capire e valorizzare il patrimonio di una comunità fatto di saperi, di ricerca e di innovazione di una comunità. Trovare un equilibrio tra la capacità del Trentino di costruire valore e prospettive per la sua comunità ed essere attrattivo e accessibile a milioni di nuovi ospiti, è la sfida dei prossimi anni, perché è necessario guardare avanti senza aspettare che gli eventi pregiudichino la capacità di offrire con i giusti mezzi, quelle proposte adatte a mercati in continua evoluzione.

E' in quest'ottica che SMTC-Scuola di Management del Turismo e della Cultura, si propone di fornire un contributo al sistema trentino, progettando insieme agli operatori, alla comunità scientifica, ai decisori politici, alle giovani leve, quelle azioni di ricerca-intervento, di formazione e di confronto necessarie per decidere come garantire la sostenibilità nel tempo di un ambito strategico per la nostra provincia. 

per informazioni

Paolo Grigolli
direzione e coordinamento delle relazioni istituzionali con i partner
invia mail | tel. 0461 020 073 


Alessandro Bazzanella
progettazione, organizzazione e didattica
invia mail | tel. 0461 020 081